SENZA FILTRO

Hello world! Please change me in Site Preferences -> This Category/Section -> Lower Description Bar

30

Giu 2012

Tutto il resto NON è noia!

scritto da / in SENZA FILTRO / Commenta

Basta poco per ritrovare un po’ di fiducia. Una lezione di yoga, una serata tra amici e il pinguino posizionato in camera da letto che ti aiuta a ricaricare le energie afflosciate da Caronte, che in questi giorni ci traghetta tutti nel calduccio infernale.

Mentre scrivo le mie chiappe si incollano, effetto bostik, alla sedia. Non è una bella sensazione…una ceretta a carne viva che, pensandoci bene, potrebbe eliminare un po’ di ciccetta eccedente e agevolare la prova costume che mi aspetta tra due settimane.

Ho voglia di un’estate di relax: tanto mare, tanti bagni ma poco crogiolarsi al sole sudando come lucertole incartapecorite dal caldo africano. E poi dormire, dormire e dormire!
Non ho mai avuto così tanto bisogno di relax come in questo periodo.

Sono stati davvero mesi intensi, carichi di responsabilità, di problemi da risolvere, di viaggi incessanti e di weekend lavorativi.

Io non mi annoio mai…anzi..non ho mai tempo per fare tutte le cose che vorrei fare!
Non riesco davvero a capire le persone che ti guardano e dicono: ” uff, che noia! Non so che fare!”
Una sensazione che non provo mai…
Ho miliardi di libri che mi aspettano sul comodino, faccende di casa arretrate, rivoluzioni di arredamento da sperimentare, idee nuove da mettere in pratica e conflitti interiori da superare.

Se la noia non mi appartiene, l’ozio, quello consapevole, quello che ti fa ritrovare te stesso e che rilassandoti ti culla, ogni tanto bussa alla mia finestra e mi accompagna in momenti di oblio fatti di tutto e niente. Il mio è sempre un ozio colorato, creativo, psichedelico. Un prisma che mi mette davanti alle sfaccettature della mia indole vulcanica e imprevedibile.

Non reggo quella insopportabile fatica di non far nulla che si respira nei “che palle!” dei miei coetanei…Ragazzi, un po’ di curiosità, di voglia di scoprire il mondo!
Sono così tante le cose da vedere, le persone da conoscere, le abitudini da sovvertire, le sfumature da creare!
….tutto il resto non è noia! È adrenalina, energia, vibrazione, sole!

Voglio condividere questo post su...

29

Mag 2012

Una risposta d’amore

scritto da / in SENZA FILTRO / Commenta

Con quello che sta succedendo in questi giorni tra bombe, terremoti, crisi globale, calciopoli e scandali papali davvero le parole si strozzano in gola.

Difficile commentare lo sgomento davanti all’irrefrenabile e incontrollabile potere della natura, schifosamente biasimabile il caso di calciatori miliardari che hanno ‘bisogno’ di rovinarsi carriera e reputazione per un giro di scommesse (ma hanno interrogato anche Holly e Benji?), ancora più viscido il crollo della spiritualità, quella che dovrebbe risollevare animi piegati e provati.

I motivi per essere presi da sconforto e pessimismo certo non mancano, ma la dignità mostrata da quelle persone che continuano a rimboccarsi le maniche per togliere i detriti dalla propria abitazione violata da una natura che sa essere matrigna devono essere di esempio. Per tutti.

Leggo post di persone che amano ricamare intorno a questi avvenimenti. E mi arrabbio. Anzi, mi incazzo proprio!

Non puoi, vedi caso Grupalia, fare della ironia sciocca e puerile su sciagure come queste…chi cavolo ci vuole andare a Santo Domingo? Vacci tu, con un razzo…va beh, non scendiamo nei dettagli sulle modalità di fruizione del mezzo di trasporto altrimenti divento volgare.

Leggo post di gente che si diverte a creare false informazioni di servizio, giocando con il potere mediatico dei social media. Ragazzi non si scherza su queste cose, non si creano falsi idoli, non si disperde, con le vostre cazzate, l’energia positiva di chi vuole veramente aiutare. Le informazioni, poi, prima di essere ritwittate selvaggiamente, andrebbero verificate, a prescindere dalla cronaca di questi giorni.

Leggo di strane combinazioni planetarie, come l’allineamento Pleiadi- Sole-Terra,  di deduzioni scientificamente instabili, di cospirazioni massoniche, di mistiche ragioni dietro ai fatti che fanno tremare e scuotere la vita di molte persone.

Sento, come molti, un grande desiderio di semplicità, di leggerezza…una voglia irrefrenabile di riuscire a respirare il “qui e ora“, di vivere con il sole e navigare a vele spiegate.

Vorrei poter alleviare le sofferenze di chi, quotidianamente, lotta per la vita, a prescindere dalle calamità e dalla politica economica internazionale.

Mi piacerebbe che quell’ansia che schiaccia il diaframma e obnubila la mente fosse sempre vinta dal coraggio ritrovato, dall’energia e dalla fiducia. Una fede in se stessi, nelle proprie potenzialità, dalla dignità e dall’amore, troppo decantato e poco dimostrato.

L’amore vero, viscerale, semplice e positivo…quello che ti fa vedere ogni momento di debolezza con occhi diversi, quello che ti fa sollevare, che rialza gli animi e le coscienze. Un amore universale, cooperativo, sinergico e compassionevole. Quello che non importa dove, come e perché: esiste, agisce, impulsivo, verace e senza secondi fini.

Mi piacerebbe che in momenti come questi la risposta di tutti fosse una risposta d’amore.
Semplicemente positiva, carica di quella pulsione creatrice, fattrice, madre protettiva e allo stesso tempo valchiria.

Non si possono cancellare dolore e sgomento, ma si deve reagire, ognuno nel suo piccolo può fare qualcosa per “essere il cambiamento che vuole vedere nel mondo“.
.

Voglio condividere questo post su...

24

Mag 2012

Castelli di sabbia

scritto da / in SENZA FILTRO / Commenta

Ho un sacco di cose da fare, progetti da redigere, conti da far tornare ( noblesse oblige contro la crisi parlamentare?!…beh, forse questa è un po’ freddina e criptica: leggi ‘conti’ = ‘nobili’ !?…ok, lasciamo stare!) e tanta adrenalina sopita da far esplodere o da eliminare. Nonostante tutto, i miei amichetti neuroni mi portano con il pensiero altrove, mi portano a rimuginare sul comportamento [inaspettato] di alcune persone e sulla mia reazione.

Eccomi qui, invece di mettermi a fare le mie cosuzze quotidiane, che incombono assassine sulla mia scrivania, ho deciso di applicare una tecnica buddista ai miei pensieri.

Non serve a nulla continuare a ripetersi che non ne vuoi parlare, che non ci vuoi pensare…Conviene invece affrontare il rospo – non mandarlo giù perché sarebbe indigesto – guardare in faccia il problema, la questione o comunque la cosa che ci ronza come una mosca fastidiosa sulla punta del naso (ahi,ahi, ma le mosche non si posano sulle cacche???…va beh, lasciamo stare sennò poi devo concentrarmi sulla mia autostima :-))

Il buddismo insegna: prendi il problema e inizia a spezzettarlo, frammentalo in tante piccole parti…e poi, fiù, svanirà da solo…perderà consistenza e grandezza, tornerà a una dimensione affrontabile e gestibile…o, addirittura, si dissolverà come sabbia spazzata via dal vento.

Sono i nostri castelli di sabbia mentali, quelli che basta davvero un soffio di vento, un colpo di onda per farli crollare. Sono quelli che dobbiamo stare attenti a non continuare a costruire per evitare di pagarci pure l’IMU sopra!

Ma veniamo alla questione…Credi di avere degli amici, delle persone di cui fidarti e alla fine , puntualmente avverti un leggero dolore al lato B, noti un improvviso e inaspettato cambio di atteggiamento, che non sai come giustificare, come interpretare, e ci rimani male, rimugi come una mucca assassina.

Se prima potevi contare sull’appoggio di certe persone, sulla loro stima e sul loro supporto, d’improvviso scopri che avevi fatto male i conti, che la tua fiducia era probabilmente mal riposta…

La sensibilità eccessiva a volte è davvero deleteria per il tuo sistema immunitario. Tu stai male, somatizzi e non risolvi nulla!
Regola numero uno: farsi scivolare addosso le cose, non ragionar di loro e passare per dirla alla Virgilio della Divina Commedia…in pratica,  imparare ad agire a prescindere. Non vale la pena costruire  frasi ipotetiche, interrogandoci su un possibile errore da parte nostra ( che, per lo più, dopo attenta autocritica, sappiamo non aver commesso!)

Ok, credo che la cosa abbia funzionato. Un bel vento di maestrale ha allontanato le nuvole della mia testa celeste (ma che tinta uso???!), sento i miei neuroni più leggeri! Mettere nero su bianco la questione mi ha aiutato a sminuirla, demolirla e puff!

… un bel #macchisenefrega (con hashtag è più figo!), sorriso  stampato e ritrovata voglia di fare: evacuazione del pensiero negativo  effettuata.

Ora sono più libera 🙂

Voglio condividere questo post su...

20

Mag 2012

Incompleta-mente

scritto da / in SENZA FILTRO / Commenta

E poi ci sono quei giorni, quelli colmi di uno strano senso di..insoddisfazione. Quei momenti ‘incompleti’, quelli in cui senti che manca qualcosa…

Un po’ ti fai condizionare dagli eventi, un po’ ti guardi intorno e afferri solo le cose belle che gli altri hanno e tu no – senza pensare che magari dietro a quel ‘bello’ si nasconde qualcosa  (di davvero brutto) che non non vorresti mai, neanche lontanamente, conoscere.

Il paradosso vuole che poi siano  gli altri a vedere cose che tu hai  e che vorrebbero per sè…E’ il vecchio adagio del  ‘giardino del vicino’, quello più verde, quello più rigoglioso…

Il problema è che siamo troppo condizionati da quello che ci ruota intorno e poco centrati su di noi, sulle nostre cose belle. Colmare quel senso di ‘mancanza’ non è poi così complicato…Basta pensare alla sola fortuna di potersi svegliare la mattina, respirare a pieni polmoni, fare una camminata, sorridere a una persona anziana, tirare un legnetto al nostro cane e regalare una risata a una persona triste…

Idealmente non è difficile. Ma quel senso di_______ ci assale. Di tanto in tanto fa capolino e c’è qualcosa della nostra vita che ci appare come irrisolto. Quel pezzettino del puzzle non si trova, e quello che abbiamo non combacia con il disegno che abbiamo immaginato nella nostra mente.

Ci carichiamo di frustrazione, guardiamo con invidia l’incedere altrui e invece di cercare e sperimentare nuove strategie per completare il quadro perfetto, ci perdiamo.

Troppi stimoli, troppi messaggi, troppe finestre aperte sui social network, troppo spiare la vita altrui…

…troppo. Già, troppo tempo perso a non vivere,  guardando al di là di noi e allontanandoci dalla semplicità dei nostri pensieri, dalla leggerezza e dalla genuinità.

Tutto diventa pesantemente carico di aspettative da colmare, di viaggi da compiere, di famiglie da creare, di soldi da guadagnare e case da comprare.

La vita è quello che ti accade mentre sei impegnato a pianificare“, una verità. Pianifichiamo, scheduliamo, cerchiamo di copiare quello che vediamo fare da altri – che si chiamano ‘altri’ perché non siamo NOI – e intanto il tempo scorre e le frustrazioni aumentano, insieme a paure e incertezze.

Dobbiamo imparare a essere dei giudici meno severi con noi stessi, non pretendere la luna, attendere con fiducia il momento in cui finalmente ci sentiremo in pace, sereni, completi.

Arriverà solo se avremo gratitudine per quello che abbiamo e impareremo ad assaporarlo.

Un po’ come in un videogame, la vita non ci fa passare al livello successivo se prima non abbiamo imparato a muoverci nello schema, nel livello 1 della nostra partita. Dobbiamo sperimentare, ingegnarci, imparare ad abitare gli spazi, sconfiggere i draghi e accumulare punti. Solo allora possiamo passare al livello 2, quello che magari altri hanno già completato…che poi dipende, mica tutti giochiamo allo stesso gioco, o no?  Il nostro magari ha più livelli, ma è nostro. E’ la NOSTRA PARTITA. Tempi, punti e soddisfazioni ce le godiamo noi,  nel nostro intimo. Per completare i livelli ci vuole determinazione, abilità e tanta, tantissima pazienza.

Che poi, parliamoci chiaro, io non sono ancora pronta a leggere la scritta ‘game over’, quindi meglio metterci un po’ di tempo in più ma giocare sempre di gusto, divertendosi e con il sorriso.

E se gli altri arrivano prima? Un applauso a loro. L’importante è avere sempre e comunque la possibilità di giocare.

Voglio condividere questo post su...

08

Mag 2012

Dubito ergo…

scritto da / in SENZA FILTRO / Commenta

…ergo?! Ergo non so che cazzo fare.

Ecco cosa vuol dire essere indecisi cronici come la sottoscritta.

L’esempio più banale? Devo comprare una cosa e ci metto 10 anni per scegliere perché “boh, non lo so…ma poi mi serve?…mi starà bene? forse devo tenere via i soldi per cose più importanti” e via di seguito con le scuse più assurde per giustificare  l’incapacità di prendermi la briga di scegliere.

Goethe asseriva che “Il dubbio cresce con la conoscenza“. Sarà, ma io ho sempre la sensazione che anche questa sia sempre più labile ed effimira…Quindi? Aveva ragione lui? Forse.

L’amico Voltaire mi viene incontro quando afferma che “il dubbio è scomodo, ma solo gli imbecilli non ne hanno“. Buono a sapersi,  in questo caso, forse – perché dubito – mi potrei annoverare, tra i non imbecilli.

Insomma, tra Goethe, Voltaire e Socrate con il suo “so di non sapere” oggi mi sembra che anche le auctoritas non mi siano di aiuto per fugare i miei dubbi.

Che poi, dubito perché ho un calo di fiducia, di fede? O dubito perché nulla può essere dato per scontato nella vita quotidiana?

A parte il discorso più banale e semplicistico dell’indecisione legata alla scelta degli abiti, il dubbio, la questione amletica, in altre parole il mio “essere o non essere” nasce da incredibili e assurdi trip mentali che prendono il sopravvento in momenti più disparati.

Capita a tutti, lo so…Ma come uscire dal tunnel delle ‘pugnette mentali’?

Non pensandoci? Riflettendo ancora di più, con il rischio di entrare in un loop infinito di paranoie? Sì, e poi, paronoie per che cosa?

Ecco, sì…la soluzione potrebbe essere passare all’azione…in risposta alle pugnette, di cui sopra, preferiamo del sano pragmatismo.

Bene, ma quale strada percorrere? Bisogna necessariamente affrontare la realtà, fare le famose scelte. Selezionare, tagliare i rami secchi e spalancare i portoni, quelli che dovrebbero aprirsi una volta chiuse le porte.

Ma se, nel caso in cui…e poi??? Niente, oggi non ce la posso fare, il dubbio mi assale!

Responsabilità, responsabilizzarsi, fare i grandi vuol dire scavalcare, oltrepassare le barriere del dubbio? Non ne sono convinta.

In fondo, se non avessimo di che dubitare, tutto sarebbe banalmente palese davanti ai nostri occhi, ovvio, scontato.

Il dubbio aiuta a metterci davanti alle nostre paure, al nostro io più nascosto,  ci fa sentire quella vocina che, forse per convenzioni o ragioni oscure, tendiamo a far soccombere, a schiacciare nelle viscere (quella che giorni fa descrivevo come brufolazzo sul naso pronto ad esplodere). Mah!

Per cambiare è necessario avere il coraggio di prendere un decisione. Il bivio può essere, o deve essere, interpretato come una possibilità.

Peccato che poi a ‘sto caspiterina di incrocio ci pianti le tende, con tanto di fornellino da campeggio e manuale delle Giovani Marmotte perché non sai da che parte dirigerti.

Vai dove ti porta il cuore” tuonava il titolo di un romanzo…e dove mi porta il cuore? Seguiamo l’istinto? E se ‘non ci ‘chiappa‘? Non tutte le scelte sono reversibili. Ci vuole coraggio.Punto.

Mi metterò a stilare la lista dei pro e dei contro, ma davvero mi risulta difficile. Per carattere sono abituata ai colori, alle sfumature, non mi piace categoricamente schierarmi per il bianco o il nero.

Tuttavia, essere chiari con chi ci è accanto è dovuto, è una questione di rispetto. Se noi viviamo nel limbo dei nostri umori e delle nostre lune colorate, non possiamo pretendere che chi ci circonda possa assecondarci. Può comprenderci, venirci incontro, ma a un certo punto arriva il momento della scelta: dentro o fuori, con o senza, pasta o riso, bianco o nero…

Credevo che buttando giù i miei pensieri confusi sarei riuscita a dare un po’ di ordine al mio caos interno. E invece no. Non ci siamo.

Il dubbio continua a navigare nelle acque agitate della mia mente. Sarà il caso che mi faccia una camomilla, magari gli amici neuroni si calmano un pochino e la smettono di ballare la techno nel mio cervello dubbioso.

Voglio condividere questo post su...