Pensieri, senza filtro.

Quando le dita improvvisano sulla tastiera

09

Apr 2012

Pasqua in famiglia

scritto da / in SENZA FILTRO / Commenta

Una Pasqua in famiglia. Era un sacco di tempo che non tornavo a casa dai miei. Il lavoro, gli impegni, la loro assenza per motivi personali…ma eccoci, adesso, tutti e cinque qui: mamma, papà, sorelle e gatto. Tutti insieme.

La cosa che mi ha sconcertato di più, una volta dalla scesa dalla macchina, è stato vedere un grosso cartello ‘appartamento in vendita’ fuori dal cancello di casa.

Già, i miei hanno deciso di vendere la casa della mia adolescenza per trasferirsi al mare, in Sardegna. È stato un bel colpo…chi lo avrebbe mai detto. Non che sia particolarmente legata a questa casa, in fondo ci ho vissuto solo 7 dei miei 33 anni! Ma sono stati gli anni  dell’università , quelli delle  mie nottate tra tazzoni di caffè e montagne di sigarette, quelli delle diete esagerate e delle litigate con una vicina bigotta e rompiballe.  Un po’ mi mancherà.

È sempre bello tornare a casa dai tuoi quando ormai vivi da solo da 8 anni…beh, bello per una settimana, dieci giorni, poi hai bisogno dei tuoi ritmi e dei spazi…Però, quando stai nel tuo vecchio letto, circondato dai ricordi e con la mamma che ti cucina le cose che golosamente brami, riempiendoti la valigia di vestiti e cose per la casa (perché tu non sai fare le lavatrici come lei – e quindi a suo dire hai solo capi rovinati- e non hai il suo stesso inopinabile gusto per l’arredamento) è tutta un’altra cosa.

Riscopri il sapore e il gusto di essere figlio. Per un istante dimentichi le tue mille responsabilità quotidiane, le bollette da pagare, le lavatrici che ti aspettano a casa, il tuo frigo che adesso piange miseria e le montagne di cose da stirare che ti attendono al tuo ritorno, tra una impegnativa giornata di lavoro e le discussioni con il socio.

Rivivi il gusto di stare a letto fino a tardi quando, viziata dal tuo papà, al risveglio ti attende una fumante tazzina di caffè portato a letto.

Passi ore e ore a chiacchierare e a condividere sogni e visioni di vita. Assapori il calore dell’amore e togli la maschera per vivere in libertà il tuo modo di essere, nel bene e nel male.

È bello sentirsi così, abbracciati da un morbido senso di semplicità, naturale, spontaneo, tuo.

Domani le valigie mi attendono e anche il ritorno alla MIA vita…beh, non si può essere piccini per sempre, bisogna continuare a diventare grandi!

Voglio condividere questo post su...

04

Apr 2012

To do list: una ragione di vita

scritto da / in SENZA FILTRO / Commenta

Sono uno scandalo. Uno scandalo giustificato da 4 ore di sonno, 3 treni in 5 ore + 5 giorni di lavoro frenetico nella dinamica e stressante Londra? No, dai. Non sono giustificabile…

Mi sono presa mezza giornata libera per disfare la valigia, fare le lavatrici, pulire casa, rifare una nuova valigia, pianificare la nuova partenza e dedicarmi alla mie procedure di restauro …ed eccomi qui. Davanti alla tastiera a digitare. Prima la scusa ‘controllo le mail’, poi arrivano le telefonate, poi ancora mi alzo, metto via due cose, bevo, e ancora con la scusa di una pausa sigaretta mi ritrovo davanti alla tastiera.

Devo fare ordine e pace con i miei neuroni 🙂

Se non pianifico le mie giornate ultimamente è davvero un disastro. Sono arrivata a livelli maniacali. Ho uno smartphone, un ipad, una agenda, un computer…ma tutto si trova rigosamente schedulato su fogli di carta volanti con scritte enormi, post it fluorescenti e blocchetti che riportano marche sconosciute ( ma dove cavolo li avrò pescati? Mah!)

Le mie to do list sono divise tra lavoro, casa e personale. Sono arrivata a livelli tali da appuntarmi di dover lavare i capelli – sennò magari mi dimentico ??? – e manca solo che pianifichi gli orari per andare a fare la pipì.

Da una parte aiuta, se solo venissero rispettati tutti i punti dell’elenco con estrema precisione.

E’ il mio modo per mettere ordine al caos mentale, fare chiarezza nella miriade di piccole cose da fare con sempre meno tempo per farle.

Il problema è che vorrei fare di tutto e poi mi ritrovo, come adesso, a non avere, sinceramente e fondamentalmente, voglia di fare niente…:-)

La lavatrice deve aver finito il suo lavoro e l’ora di cena si avvicina, come il rientro a casa del socio…che avrà anche fame! Eh no un’altra cosa da aggiungere alla lista… cucinare!

Meglio che mi dia da fare, un bel respiro e via, al lavoro!!

Voglio condividere questo post su...

26

Mar 2012

Primavera: sonno e riniti allergiche

scritto da / in Corpo, SENZA FILTRO / Commenta

Tutti esaltano i benefici della primavera: un’ora di luce in più, gli ormoni eccitati, i fiori che sbocciano, gli animali  che si svegliano dal letargo, le temperature che diventano miti e i panni che si asciugano al sole con una certa velocità.

Tutte cose bellissime, positivissime anche se…a dirla tutta, a me la bella mezza stagione ( ma non doveva non esistere più) porta anche qualche acciacchetto in più.

Sarà l’età che avanza, ma il cambio di luce e di stagione mette il mio organismo in completo risparmio energetico…e se provo a forzare la mano, ecco che le cellule impazziscono.

La primavera, ultimamente, per me si traduce in : sonno (quasi narcolettico), rinite allergica, stanchezza ed estrema abulia.

Ragioniamo. Chi è che ha voglia di stare in ufficio, sotto le fredde luci del neon, quando fuori vedi la natura che dà il meglio di sè ?! Spiegata la abulia.

Ma se poi esci, specialmente a maggio, e vieni invaso da una nevicata di pioppi e semini che rendono il tuo naso degno testimonial delle Gocciole della Pavesi? Non va bene.

Allora trovi il rimedio. Gli integratori, i colliri, gli spray da spararti nel naso e le compressine piene di antistamici che non fanno altro che annullare l’effetto energizzante dei multivitamici al ginseng, eleuterococco, guranà e affini…

Mi hanno consigliato un rimedio ayurvedico che sembra essere un eccezionale sostituto di tutti quei pasticci farmacologici e, diciamocelo, anche abbastanza cari.

Servono soltanto miele e limone.

Ogni mattina, a digiuno, bisogna scaldare un bicchiere di acqua e ‘correggerlo’ con succo di limone e miele (possibilmente di acacia). I risvolti, dopo un paio di settimane, sarebbero davvero esaltanti. Regolarità intestinale – che giova sul nostro umore :-), energia, serenità e una bella disinfezione dell’apparanto respiratorio.

Il limone purifica e carica di energia, il miele calma e rilassa…insomma l’equilibrio è assicurato.

Per le congiuntiviti e gli occhi che piangono più di Brooke quando deve raccontare a Ridge dell’ennesimo familiare concupito, l’ideale è fare degli impacchi con la camomilla o la patata cruda.
Se usate la camomilla: fate raffreddare l’infuso e applicate il liquido aiutandovi con dei batuffoli di ovatta.
Se usate la patata: lavatatela bene e poi tagliatela a metà in senso longitudinale (‘mazza che precisione) e appoggiate i due estremi del tubero  sui vostri occhietti malconci. Il sollievo è immediato.

Va beh, una soluzione ci sarà…Intanto, tra un rumedio naturale e l’altro, quasi quasi,  mi vado a fare un pisolino…:-)

Voglio condividere questo post su...