Pensieri, senza filtro.

Quando le dita improvvisano sulla tastiera

08

Mar 2012

Cambiare è come viaggiare

scritto da / in SENZA FILTRO / Commenta

Cambiamo opinione, abito, città, fidanzato, umore, colore di capelli, lavoro…il cambiamento è parte integrante della nostra vita, una delle poche certezze che abbiamo è che tutto si trasforma, muta di forma, di aspetto, dalle materie prime che diventano ‘cose’, al nostro modo di pensare. Infanzia, adolescenza, età adulta, vecchiaia sono trasformazioni del nostro essere, evoluzioni o involuzioni (in certi casi).

Perché allora il cambiamento ci fa così paura? Perché non sappiamo quello che ci aspetta, perché temiamo di sbagliare…anche se poi, in fondo, se ci pensiamo bene, abbiamo sempre la possibilità di cambiare nuovamente e in meglio, consci dell’esperienza acquisita, con una piccola zavorra sulle spalle o qualche cicatrice in più forse, ma possiamo ancora farlo. Avremo esplorato sicuramente nuove strade, fatto nuove scoperte, disegnato nuove rotte, condiviso sofferenze e felicità, incontrato nuove persone che come noi vivono nella frenesia  e nella paura del cambiamento.

Crescere significa anche questo. Rischiare. Cambiare. Fare delle scelte, anche sbagliate.

La staticità, la mancanza di flessibilità e di apertura condizionano la nostra esistenza.La prima fase di rivoluzione di atteggiamento avviene dentro di noi.E, non a caso, usiamo dire che ‘in noi cambia qualcosa’.

Decidiamo che vogliamo migliorare la qualità della nostra vita, che vogliamo soddisfare un desiderio particolare e allora ci muoviamo verso quella direzione…
Cambiare è muoversi, attraversare, andare oltre.

Cambiare è come viaggiare.

Come esploratori curiosi andiamo alla ricerca di qualcosa che spesso non sappiamo nemmeno noi bene  dove e cosa sia. Però sentiamo che dobbiamo continuare il cammino, affrontare salite, incontrare ostacoli e privazioni, a volte…ma poi, la ricompensa che otteniamo ripaga tutti gli sforzi. Un panorama mozzafiato, una nuova consapevolezza del sè e delle proprie immense capacità di ottenere ogni volta che si vuole un granello di felicità.
Alla fine, come diceva Ezra Pound, “tutti i grandi cambiamenti sono semplici“, è solo una questione di volontà. Se vogliamo veramente qualcosa, in un modo o nell’altro concentriamo le nostre energie sull’obiettivo e siamo pronti a cambiare.

Sto imparando a vivere il cambiamento, sto cercando di osservare e comprendere quello che mi accade sotto una diversa prospettiva. Ogni giorno mi muovo verso nuove mete, inseguo i miei obiettivi e se trovo qualche ostacolo che appare insormontabile, posso sempre cambiare strada…e se ne incontro un altro, lo affronto studiando una strategia e se la strategia non funziona?…beh, si cambia!

“Ecco come bisogna essere! Bisogna essere come l’acqua.
Niente ostacoli – essa scorre.
Trova una diga, allora si ferma.
La diga si spezza, scorre di nuovo.
In un recipiente quadrato, è quadrata.
In uno tondo, è rotonda.
Ecco perché è più indispensabile di ogni altra cosa.
Niente esiste al mondo più adattabile dell’acqua.
E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei” 

(Lao Tzu)

Voglio condividere questo post su...

Grazie :)
Post simili
Commenta
  • provedivolo

    marzo 8, 2012, pm31 10:45 PM
    01

    Sottoscrivo il discorso cambiare è come viaggiare. Basta avere una direzione dove orientare la strada. perchè capitano le giornate di nebbia e allora l’unica cosa che ti salva (a meno di scegliere di star fermo e non uscire) sono i tuoi punti di riferimento.

  • ilsolecheride

    marzo 9, 2012, am31 10:33 AM
    02

    verissimo.. avendo ben cura di scegliere i punti di riferimento, altrimenti si ha la stessa sorte di chi, nella nebbia, prende come riferimento l’auto che ha davanti e, se quella finisce nel fosso, a ruota lo segue 🙂

E tu, che cosa ne pensi?