Pensieri, senza filtro.

Quando le dita improvvisano sulla tastiera

12

Apr 2016

Un pensiero dedicato [senza senso]

scritto da / in SENZA FILTRO / 2 commenti

Se dovessi raccontare il mio stato d’animo – qui e ora-  con una melodia sarebbe questa

Mi sento forte, fragile, in bilico, piena di energia e con una voglia di spiccare il volo che non ha confini.

Libertà. Freedom.

Mi sento libera, e nello stesso tempo incatenata ancora da pensieri che vincolano, a mani nude,  il fuoco che brucia nel cuore.

Sono un fiume in piena, rumoroso e avvolgente, che può diventare distruttivamente disarmante. Sono acqua, sono aria, sono fuoco, sono terra rossa e umida.

E sono vortice.
Una spirale che avviluppa e sviluppa. Creatività che nasce dal dolore e sorriso che sgorga dalle lacrime.
Un logorio interiore che abbraccia un amore intenso. Immenso.

Un dolore che non fa soffrire ma che consuma, che non parla ma comunica con i silenzi dell’anima. Fa male pensare che qualcosa che avrei potuto avere e che ho negato, ora non vuole più fare parte di me.

Ti trovi faccia a faccia con la consapevolezza: non si gioca con la vita. Perché la vita, se solo vuole,  gioca più duro di te. Una partita non equa, no.

La vita richiede cura, ascolto, compassione, amore. Non puoi buttarla via, negarla, rifiutarla, perché saprà ridarti quello che meriti e quello che le hai dato.

What goes around, comes around, il boomerang del tempo che ciclicamente torna e ti mette davanti a sfide che non vorresti mai aver accettato. Non adesso, non ora.

Vorresti avere ancora tempo, ma il tempo corre, corre talmente veloce che anche se allunghi la mano e provi ad afferralo, riesci a prendere maldestramente solo una manciata di secondi, che si frantuma in istanti.

È così difficile tirare fuori certe cose dalla pancia. No, non ci riesco. Vorrei ma il pudore blocca le dita sulla tastiera. Perché certe cose non possono, non devono abbandonare la nave dei pensieri confusi. Devono restare lì, cullate dalle onde del nonsocosafare. 

[Chissà cosa devo fare per farti capire come mi sento. Chissà se davvero hai una minima idea di quello che mi stai chiedendo. Io sto impazzendo.]

Così, senza un senso, ma con un senso talmente tanto profondo che non esistono parole ma solo vibrazioni di luce, che in uno sguardo sanno raccogliere un messaggio dedicato.

A te.

Voglio condividere questo post su...

Grazie :)
Post simili
2 commenti
  • Carola

    aprile 12, 2016, am30 9:39 AM
    01

    Decisamente uno dei grandi conflitti della vita …ma non cullarti troppo quei pensieri confusi,io credo che invece tu abbia bisogno di lasciarli scorrere per arrivare alla chiarezza., sono un’ esperta dei pensieri confusi e del non so cosa fare dai e dai sto imparando.
    Ti auguro una buona giornata.
    Carola

  • jadosa

    maggio 12, 2016, pm31 8:50 PM
    02

    Grazie Carola, cercherò di seguire il tuo prezioso consiglio!
    🙂

E tu, che cosa ne pensi?