Pensieri, senza filtro.

Quando le dita improvvisano sulla tastiera

07

Lug 2013

Vacanze last euro

scritto da / in SENZA FILTRO, Viaggi / 2 commenti

Sono ormai tre giorni che combatto con tutti i portali e le OTA del globo per trovare una offerta di 3 giorni per un hotel in Sardegna. Un’impresa biblica, ci metto meno a circumnavigarla in pedalò.

Tutto nasce dalla volontà di concenderci 3 giorni per noi, io e il socio, pre full immersion dai parenti (suoi e miei).

Prima di dirigerci nel profondo sud, per la precisione a Calasetta – alzi la mano, anzi metta un mi piace chi la conosce 🙂 , infatti, volevamo fare un giro ‘da fighetti’ senza soldi nella smeraldissima costa del nord. Ragazzi parliamone…ma siamo pazzi? Tutti si lamentano che l’Italia è in crisi, e che il turismo non funziona. E certo con questi prezzi! Vuoi mettere? Solo di traghetto, due cristiani con una microcar (la mia) [sfruttando, tra l’altro, lo sconto residenti dovuto ai natali del socio] vanno a spendere cifre che non si allontano dai 500 euri ( se va bene e si opta per la compagnia meno cara), senza considerare la benza per raggiungere Civitavecchia e l’antipulci da comprare per viaggiare a bordo degli efficientissimi e nuovissimi traghetti della Tirrenia!

Come dice il socio, sarà perché forse alimentano le navi a Barolo? Mah!

Abbiamo anche considerato l’ipotesi di prendere l’aereo. Beh dai l’idea ci sta,  abbiamo la Ryanair che comodamente parte da Perugia…e certo! Peccato che ad agosto con i soldi che devo spendere ci vado una settimana in Spa in hotel 5 stelle extra lusso in Ungheria…Ok, forse il paragone è azzardato…Ma, davvero, se devo spendere quasi 300 euro per viaggiare ‘low cost’, senza nemmeno un bicchiere d’acqua offerto, con le hostess buzzicozze che tentano di propinarmi gratta e perdi, dovendo sforzare al massimo i neuroni per non inciapare in qualche tranello messo sul sito per vendermi le tute da sci in fase di prenotazione….Cazzo, ma io allora me ne vado in Thailandia con tanto di volo intercontinenatale pagando poco poco di più.

La nostra fortuna è poter fare affidamento sul soggiorno a casa di papà e mamma rispettivi, altrimenti…è follia! Quindi, anche quest’anno Sardegna. Ma, visto che non ci prendiamo mai vizi o momenti particolari per noi…Non siamo una di quelle coppie che esce fuori a cena una volta a settimana o che si fa il weekendino…purtroppo, specie negli ultimi anni, siamo una coppia di assidui lavoratori che fanno salti mortali, capriole e carpiature per riuscire a campare dignitosamente. Già e siamo anche imprenditori che, contrariamente a quello che pensano i più,  vivono sulla pelle il fatto che avere una azienda non significa essere i Berlusca di turno. Significa fare i conti con clienti che non ti pagano, concorrenza sleale e soprattutto con lo Stato che ti rema contro prosciugandoti anche la saliva, così eviti di parlare e protestare.

Specie in questi mesi, il prelievo fiscale è costante, goccia dopo goccia le mie vene si svuotano e le mie balle si gonfiano. Legge naturale, ancora in fase di studio dai ricercatori della Fava University.

E insomma, niente. Le mie ricerche hanno portato a qualche soluzione abbastanza abbordabile, ma ci sono voluti due giorni no stop di surfate e interrogazioni ai motori di ricerca. Non ho ancora prenotato nulla, anzi se conoscete qualche posto da consigliarmi nella zona di Baia Sardinia o Palau, sentitamente e cordialmente ringrazio 🙂

Questa domenica che volge al termine mi lascia con l’amara constatazione che siamo davvero un popolo poco furbo. A Las Vegas ti vendono il paradiso in mezzo al deserto, e tu lo paghi…mentre qui abbiamo il paradiso di coste, monti e colline e non riusciamo a valorizzarlo, e quando lo facciamo (forse è un po’ colpa delle tasse, certo) eccediamo. Resta il fatto che ancora troppe strutture ricettive non sono digitalizzate, non hanno un booking online e si vendono a prezzi più alti sui loro siti, spesso mal fatti, che sui Booking di turno. Altro che vacanze last minute, le mie, se continua così, saranno vacanze last euro, fino all’ultimo centesimo! 🙂

Per i traghetti stendo un velo di Maya, impietoso però. E’ uno schifo e basta. Navighi online e trovi offerte vetrina, specchietti per allodole tipo ” traghetto 2 pax A/R + auto a €89″ poi vai a vedere e senti un lieve dolore al deretano…sì perché la fregatura, la carogna, non è più sopra le spalle, è dietro di te con un cetriolo in mano…e patapam!

Credo di aver polemizzato abbastanza. Adesso me ne vado a stirare…ti ricordi quando dicevo che la mia colf è sempre in ferie? Ecco, lei è ancora in ferie in qualche paradiso tropicale, e a me ‘me tocca da lavorare’!

Voglio condividere questo post su...

Grazie :)
Post simili
2 commenti
  • Emily

    luglio 8, 2013, pm31 12:32 PM
    01

    Non sono molto esperta di vacanze in Italia, soprattutto al mare, ma la tua descrizione della Ryanair è perfetta, direi.
    Ricordo i bei tempi (gennaio 2008) quando Londra A/R mi è costata solo 16 euro. Adesso con 16 euro non metto neanche il bagaglio in stiva (per cui una volta, tra l’altro, non si pagava).

    • ilsolecheride

      luglio 8, 2013, pm31 12:41 PM
      02

      Già, la ryanair conviene solo se viaggi con bagaglio a mano e prenoti con largo anticipo. Per tutti gli altri casi è scandalosa…oltre a essere pericolosa e zozza. Hai mai notato che mentre i passeggeri di un volo scendono, fanno imbarcare gli altri in partenza e, nel frattempo, riforniscono di carburante l’aereo?! Per non parlare della sola della priorità di imbarco. Se arriva uno che ha pagato ben 10 euro (5 più di te) per il posto assegnato, sei fregato!

E tu, che cosa ne pensi?