Pensieri, senza filtro.

Quando le dita improvvisano sulla tastiera

19

Mag 2013

E il naufragar m’è dolce in questo mare

scritto da / in SENZA FILTRO / Commenta

Domenica di maggio, carica di pioppi e di starnuti allergici…etciúú! Ecco, appunto.
Sono da sola con i miei neuroni in cucina. Accanto a me una tazzina di caffè, fragrante e profumato di tostatura, il cane che elemosina il consueto biscottino della mattina e i pensieri che circumnavigano il globo cerebrale. Tanti. Davvero tanti.
Queste ultime settimane le ho vissute in apnea. A testa bassa mi sono immersa negli abissi delle cose da organizzare, comprare, gestire, pagare, pianificare…adesso sono riemersa a filo d’acqua, a prendere una boccata d’ossigeno, provando a respirare prima di rituffarmi nel vortice aspira tutto di questo mare magnum.
Mancano due settimane al trasloco definitivo nella nuova sede e siamo ancora, tanto per restare in ambito marinaro, in alto mare. Sebbene oggi sia riemersa, l’acqua è alla gola e devo muovere con forza gambe e braccia per rimanere a galla e non sprofondare vinta dalla stanchezza.
Mi sento come un’anatra. Sai che cosa fanno le anatre? Le anatre sembrano sempre placide e serafiche, posizionate a mo’ di soprammobile sulla distesa quieta di un laghetto, ma in realtà, sotto sotto, muovono le loro zampe palmate come pazze.
Forse l’analogia non mi rende del tutto onore, se penso al loro proverbiale starnazzare…ma anche lo starnazzo ci sta…ecco, il mio più che starnazzo è un misto di parolacce da peggior bar di Caracas e risate isteriche fuori controllo.
Già perché a parte il fatto che dobbiamo ancora terminare i lavori di ristrutturazione, in soli 14 giorni ci tocca anche pulire, imbiancare, posare il parquet, smontare e montare mobili, impazzire dietro alla burocrazia, creare e terminare progetti, gestire tutte le mansioni di casa (sempre che continueremo ad averne una alla fine di questa settimana – ma questa è un’altra storia che merita una dissertazione a parte), andare per avvocati, affrontare lunghe sessioni all’Ikea [a Firenze!], farsi torturare ancora un po’ dal dentista, incontrare clienti e compiere trasferte di lavoro….solo per presentare i pesci più grossi che popolano questo oceano della nostra to do list. E alcuni di questi pesci sono davvero una palla – vedi la gestione delle pratiche amministrative.
Il fisico, forse troppo sollecitato, reagisce: Herpy, l’amico herpes ha deciso di farsi una vacanza sul labbro del socio, mentre Latso, come ci piace chiamarla in famiglia, ovvero la mia inseparabile psoriasi ha deciso di solcare i palmi delle mie mani, così per contribuire alla faccenda.
La cosa più incredibile è che, nonostante tutto, questa fase creativa sta contribuendo al collante naturale che mi lega al socio. Cioè, capiamoci, continuiamo a beccarci come due galline zitellone, ma siamo uniti sempre più da un progetto di crescita e consolidamento comune.
Ieri abbiamo anche osato interrompere i lavori concedendoci una session di puntate in lingua originale di Supernatural, un must al quale restiamo ancorati nei momenti, meglio, nelle ore d’aria. Il nostro appuntamento con mostri e zombie (e quei due stragnocchi dei protagonisti, aggiungo io) esorcizza, in tutti i sensi :-), un po’ di tensione accumulata.
Sento qualcosa che mi afferra le caviglie…credo sia qualche cavalluccio marino che mi richiama a cavalcare l’onda…un bel respiro, e giù si ritorna a nuotare tra i fondali, sperando che la barriera corallina riservi solo spettacoli e non presenti troppi ostacoli.

abissi

Voglio condividere questo post su...

Grazie :)
Post simili
Commenta

E tu, che cosa ne pensi?